Navigation – Plan du site
Communautés urbaines et finances publiques

Fiscalità e eredità feudale nei primi Parlamenti
(Inghilterra e Friuli, inizi secolo xiii – inizi secolo xiv)

Paolo Cammarosano
p. 203-212

Entrées d'index

Géographique :

Angleterre, Frioul, Europe

Index chronologique :

Moyen Âge
Haut de page

Texte intégral

  • 1 Per una rassegna ragionata, sintetica ma esaustiva e aggiornatissima della letteratura scientifica (...)

1Può sembrare una tautologia parlare di « eredità feudale » nei primi Parlamenti, essendo che tanto la Magna Carta del re d’Inghilterra Giovanni (15 giugno 1215) quanto i primi documenti « parlamentari » del patriarca di Aquileia Bertoldo (14 agosto 1228 e 14 luglio 1231) si inseriscono in un quadro di sovranità feudale, nel quale cioè tutti i sudditi erano formalmente legati da una fidelitas al sovrano ; e nei libri di storia l’aggettivo « feudale » è solitamente attribuito sia alla monarchia inglese che al principato ecclesiastico aquileiese del secolo xiii1. Sappiamo tuttavia che c’è una differenza tra la fidelitas generale, quella degli omnes fideles nostri ai quali si rivolgevano da secoli prìncipi, re ed imperatori nei loro diplomi, e la più definita fedeltà vassallatica, inclusiva dell’obbligo di recare al signore feudale auxilium et consilium e del parallelo obbligo di protezione che incombeva a costui. Sappiamo però anche delle estensioni che il rapporto vassallatico-beneficiario aveva assunto dal secolo xi in avanti : da un lato facendo assumere al beneficio feudale un assetto patrimoniale sempre più assimilabile al possesso ereditario, dall’altro, nel corso del secolo xii, facendo assumere una fisionomia feudale ad ogni rapporto di dipendenza da una autorità pubblica oppure, il che era un altro aspetto della stessa cosa, interpretando ogni possesso di diritti pubblici (regalia) assunto da comunità o da singoli individui come realizzato in forma feudale, e in questa forma legittimato. I rapporti feudali manifestavano così, entro gli inizi del secolo xiii, quella contraddittorietà fra un rapporto vassallatico-beneficiario molto tecnicamente definito e una estensione a contesti diversi e a tutti i livelli sociali, comprese persone di modesta condizione o addirittura non libere, che rende tanto complessa e difficile l’analisi del feudalesimo, per non dire del corrente intreccio fra rapporti di dipendenza feudale e rapporti di dipendenza signorile.

2In questa complessità di situazioni è interessante analizzare come alcune componenti tipicamente feudali si esprimessero in quei primi consilia di re e di principi nei quali confluivano ecclesiastici, nobili e comunità cittadine : la triade che caratterizza, indipendentemente dalla terminologia del tempo, l’istituzione parlamentare come distinta dalla tradizionale curia del sovrano e come titolare di una facoltà di intervento nella cosa pubblica. La tradizione feudale aveva approdato a una serie di limitazioni e circoscrizioni degli obblighi di auxilium et consilium. Quest’ultimo assumeva due aspetti : da un lato il generico obbligo di fornire suggerimenti al signore e dissuaderlo da imprese avventate, cioè una definizione in positivo, diversa dagli obblighi essenzialmente negativi (non nuocere, non rivelare segreti, non aiutare il nemico) che erano stati tipici delle prime formulazioni degli obblighi feudali sino dall’età carolingia e che, peraltro, sarebbero ricorsi ancora nelle formulazioni di più elevati rapporti di sovranità e di fedeltà, segnatamente nelle formule di vassallaggio al papa, dal giuramento di Roberto il Guiscardo del 1059 a quello di re Giovanni del 1213 ; da un altro lato il consilium consisteva nell’obbligo di partecipare alla curia feudale, al tribunale dei pari, per dirimere controversie sorte in ambito propriamente feudale, anzitutto i casi di mancata fedeltà, o fellonìa che dir si voglia.

  • 2 Leggo comodamente la Magna Carta, come gli altri documenti inglesi dei quali parlo qui, nella vecch (...)

3Quanto all’obbligo dell’auxilium, esso aveva veduto un processo di limitazione dell’arbitrio del signore feudale, e in parte si era venuto circoscrivendo ad alcune fattispecie, che si leggono recepite nell’articolo 12 della Magna Carta : il riscatto del re ove questi fosse caduto prigioniero, il conferimento della militia al figlio primogenito, il primo matrimonio della figlia primogenita2. Erano queste, che una tradizione feudistica avrebbe detto le aides aux trois cas, le uniche occorrenze nelle quali il re poteva levare una tassa, nella forma dello scutagium o dell’auxilium, senza obbligo di fare intervenire il commune consilium del regno.

4Alcune qualificazioni erano notevoli in queste celebri disposizioni. Anzitutto l’auxilium, cioè il contributo economico, avrebbe dovuto essere rationabile. Poi si sancivano negli stessi termini gli auxilia da imputare alla città di Londra. In un successivo articolo, il 15, re Giovanni si impegnava inoltre a non concedere ad alcuno la facoltà di richiedere auxilia ai suoi uomini liberi se non in quei medesimi termini.

  • 3 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 173-174.

5Ambedue le occorrenze, la richiesta di un contributo finanziario per il matrimonio della primogenita e quella per riscattare il re prigioniero, avevano avuto in Inghilterra un precedente importante. Nel 1168 Enrico II aveva imposto uno scutagium per finanziare il matrimonio della figlia, determinandone l’importo nella somma di 20 soldi per fuoco. Ma questo auxilium feudale era stato preceduto da una inchiesta sul numero di cavalieri che ogni fedele del re possedeva. La cosa è nota attraverso la lettera indirizzata al re da Roberto di Brinton, « homo ligius » del re : a lui e ai suoi pari era stato chiesto « quot milites haberemus de veteri feodamento de tempore Henrici regis avi vestri, et quot milites haberemus de novo feodamento post tempus regis Henrici avi vestri, et quot milites habeamus super dominium nostrum3 ».

  • 4 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 174-178.

6Sembra che alcuni sceriffi approfittassero della situazione per estorcere più del dovuto ai sudditi del re, ciò che indusse Enrico a promuovere nel 1170 una inchiesta e a rimuovere una serie di sceriffi sostituendoli con ufficiali dello Scacchiere. Da un capitolo dell’inchiesta risulta come i tributi e le esenzioni connessi a tale « auxilium ad maritandam filiam regis » venissero assisi su base territoriale, cioè per centene e villaggi (« de singulis hundredis et singulis villatis »). L’inchiesta avrebbe dovuto anche appurare quali persone erano tenute a prestare omaggio al re o a suo figlio e non lo avevano fatto, e redigerne i nomi per iscritto (« inbrevientur »)4.

7Anche la fattispecie del riscatto aveva conosciuto una realizzazione nel regno del figlio e successore di Enrico ii, Riccardo, la cui prigionia era stata redenta ad opera della madre Eleonora ad un prezzo enorme, con un appello agli obblighi feudali dei sudditi regi ma anche in questo caso con un insieme di prestazioni in parte di matrice feudale e in parte di generale tassazione dei sudditi, sia chierici che monaci che laici. Fu un prelievo molto pesante, e le esigenze finanziarie della corona non si limitarono alla necessità del riscatto ma si sarebbero riproposte con eguale forza, e con gli stessi meccanismi, una volta che re Riccardo tornò in libertà e riprese le sue iniziative di guerra.

  • 5 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 335-339.
  • 6 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 366-369. Occorre però ricordare come molte carte in fav (...)

8Fu dunque sul sistema di tassazione generale, lo scutagium imposto per unità familiari o territoriali, che la Magna Carta intervenne a imporne una limitazione. All’istituzione feudale dell’auxilium si ricorse come ad un contenimento della tassazione generale, verso la quale tendeva la corona. Quando il successore di re Giovanni, Enrico iii, emanò il suo primo atto di natura costituzionale, ad appena un anno dalla promulgazione della Magna Carta, molti articoli di questa furono ripresi, ma non quei due articoli (il 12 e il 15) che ponevano limiti all’auxilium circoscrivendolo alle tre fattispecie5. Enrico iii si aperse invece maggiormente alle istituzioni comunitative e cittadine, non alla sola Londra ma ad ogni altra città, borgo, villa nonché ai porti e ad un numero limitato di baroni, per riconoscerne le consuetudini e le libertates6.

  • 7 I documenti relativi alle petizioni dei baroni e alle conseguenti provvisioni di Oxford si leggono (...)

9Come sul versante della fiscalità le finanze regie inglesi vedevano una compresenza di cespiti feudali e di imposte di carattere generale, così l’ambito giudiziario procedeva lungo due strade parallele. L’articolo 39 della Magna Carta disponeva che nessuno potesse essere perseguito e sanzionato « nisi per legale iudicium parium suorum vel per legem terrae ». Ora, il giudizio dei pari era elemento caratterizzante, anzi unico, del diritto feudale, e si applicava alle cause che emergevano dalla violazione degli obblighi di fedeltà. Ma il riferimento alla lex terrae rimanda a un altro sistema giuridico, di carattere più generale. Inoltre, sul versante feudale le norme che i baroni avevano imposto a re Giovanni ponevano una forte limitazione alla potestà punitiva del sovrano : il possesso della terra sottratta a un vassallo convinto di colpevolezza non avrebbe potuto essere attribuito al re se non per un anno e un giorno. E l’ereditarietà del beneficio vassallatico, che era stata sancita dalla celebre costituzione italica dell’imperatore Corrado ii nel 1037 con molta larghezza, ma parlando chiaramente di discendenti diretti del vassallo o di suoi fratelli, fu sancita nelle leggi inglesi dettate dai baroni a re Giovanni in maniera più generica e ampia, facendo cioè riferimento a un qualunque « erede » purché maggiorenne. Conviene notare che fu sulle questioni di successione feudale che si sarebbero soprattutto imperniati dopo re Giovanni, sotto il successore Enrico iii, i conflitti e le transazioni fra il re e i baroni, culminati nelle cosiddette provvisioni di Oxford del 12587.

  • 8 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p.  354-355.

10Non fa dubbio la preminenza che i baroni ebbero nelle definizioni di legge di re Giovanni, come non c’è dubbio sulla loro preminenza nel consilium del regno. Città, borghi e altri organismi comunitativi, paghi delle libertates che erano state loro concesse o confermate, non sembra che abbiano avuto peso nelle prime esperienze parlamentari inglesi. Anche l’inserimento delle rappresentanze delle città, dei borghi, delle villae e delle contee nelle riunioni parlamentari si svolse con una certa lentezza, benché almeno dal 1231 sia documentata una partecipazione rappresentativa, sollecitata dallo stesso re8.

  • 9 La nostra conoscenza del Parlamento friulano si deve soprattutto al lavoro davvero fondamentale, co (...)

11La presenza delle comunità nel consilium del patriarca di Aquileia sembra essere stata più precoce, anche se non di molto9. Una attestazione formale risale al 1228, ma probabilmente la partecipazione di alcune cittadine risaliva agli inizi del Duecento. In seguito le comunità avrebbero presenziato regolarmente, attraverso loro rappresentanti, al Parlamento della Patria del Friuli, sino alla conquista veneziana del 1420 e anche all’epoca del dominio della Serenissima. La presenza di alcuni, pochi, enti ecclesiastici e monastici era meno cospicua rispetto a quella del Parlamento inglese, ma questo dipendeva dalla antica supremazia del patriarca su ogni organismo ecclesiastico. La maggiore numerosità delle voci parlamentari rimaneva comunque quella dei nobili, per non dire del fatto che nelle comunità maggiori era comunque decisiva l’egemonia delle nobili famiglie. Sotto questo aspetto, del peso della nobiltà, la fisionomia del Parlamento friulano non era dissimile da quella del Parlamento inglese, fatta salva una strutturazione molto più nitida e articolata dei conti, baroni e altri nobili inglesi in confronto a una maggiore indistinzione e informalità dei nobili aquileiesi (la distinzione tra fedeli « liberi » e « ministeriali » non aveva a mio sommesso giudizio un peso determinante nello svolgimento della politica patriarchina).

  • 10 Per la cattura di Pellegrino : P. Cammarosano, « L’alto medioevo : verso la formazione regionale », (...)
  • 11 Su Bertrando si veda l’amplissima monografia di G. Brunettin, Bertrando di Saint-Geniès patriarca d (...)

12Ma soprattutto diversa, dal punto di vista che ci interessa qui, era la situazione del principato ecclesiastico di Aquileia dal punto di vista finanziario e fiscale, e diverso era l’equilibrio tra la fiscalità propriamente feudale e la fiscalità complessiva. Principe ecclesiastico, il patriarca non aveva necessità finanziarie legate a figli da creare cavalieri o a figlie da maritare. Il problema di un eventuale riscatto da prigionia invece non era così remoto, visto che nel 1149 il patriarca Pellegrino i era stato catturato dal conte di Gorizia e che nel 1267 il patriarca Gregorio di Montelongo subì a sua volta la prigionia, ancora ad opera di un conte di Gorizia10. Ma non sembra che in questi casi sia intervenuto un auxilium feudale, la liberazione avvenne con altre modalità. Il duro Trecento poi vide nel 1350 un patriarca non fatto prigioniero ma banalmente e brutalmente assassinato e qualche tempo dopo vide la cattura del patriarca Ludovico della Torre ad opera del duca d’Austria Rodolfo d’Asburgo, ma anche questa volta la liberazione del prelato avvenne in seguito a una trattativa diplomatica, non vi fu una procedura di riscatto11.

13L’auxilium richiesto dai patriarchi ai fedeli, fossero questi vassalli o fossero sudditi generici, era dunque legato nel principato aquileiese alle esigenze finanziarie generali e in primo luogo alle spese di guerra. Non diversamente da quanto accadeva nel regno inglese del secolo xiii, lo stato patriarchino fu in quello stesso secolo in uno stato costante di guerra, e dunque l’aiuto militare venne richiesto ai sudditi in maniera costante, anche se ogni volta motivato dalla necessità specifica di una guerra, attuale o minacciata che fosse. Non si creò, in altre parole, una milizia regolare e regolarmente stipendiata, ma il finanziamento fu realizzato sempre nella maniera indiretta che aveva caratterizzato il sistema militare feudale sino dalle sue prime realizzazioni nel secolo ix.

  • 12 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. I.
  • 13 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XVIII.
  • 14 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XXII. Occorre notare la discontinuità cronologic (...)
  • 15 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. LVIII.

14Questo accadde anche se il patriarca non si rivolgeva per l’auxilium ai suoi sudditi in quanto vassalli, ma in virtù di altri rapporti di dipendenza, e magari interpellando contemporaneamente sia i vassalli sia gli altri sudditi. Tale è il caso del primo auxilium nel quale occorre la menzione di quello che sarà detto il Parlamento : nel 1228 il patriarca Bertoldo, forte della delibera del « consilium tam praelatorum quam fidelium, ministerialium quam civium » si rivolse al capitolo della chiesa di Cividale del Friuli perché inviasse cinquanta operai per otto giorni a lavorare per le fortificazioni di Meduna, luogo strategico per la difesa contro l’ostile Comune di Treviso12. Nel 1283 il patriarca Raimondo della Torre e il generale colloquium cui presenziarono i prelati, i nobili liberi, i nobili ministeriali e le comunità elessero ventiquattro rappresentanti, cioè sei per categoria, perché deliberassero sul finanziamento della guerra contro Venezia per il recupero di Capodistria e delle altre cittadine dell’Istria e degli altri diritti sui quali la Chiesa di Aquileia vantava il possesso : si deliberò velocemente una imposta, da imputare a ogni suddito, di 20 soldi veronesi per ogni manso13. Quattro anni dopo la medesima imposta, assisa questa volta su ogni manso e su ogni ruota di mulino, e per la medesima circostanza, venne deliberata con la volontà e l’assenso « cleri et laicorum14 ». Nel 1313 fu ancora un colloquium generale che deliberò il finanziamento del viaggio del patriarca Ottobono, che era stato solennemente convocato dall’imperatore Enrico vii, mediante una imposta di 8 denari aquileiesi da imputare ad ogni « fuoco » e ad ogni ruota di mulino. Dalla lettera che il patriarca inviò a tutti gli abati e a tutti i rettori di chiese perché nelle domeniche e negli altri giorni festivi dessero nelle rispettive chiese notizia del provvedimento e del relativo obbligo, sotto pena di scomunica e interdetto, veniamo a conoscenza sia del provvedimento parlamentare sia della larga inadempienza dei sudditi. Non è privo di interesse il fatto che il provvedimento fiscale fosse motivato in base ad una consuetudine « antiquissima et diutissime observat». L’iniziativa parlamentare, di carattere straordinario, si presentava così come fondata su un diritto consuetudinario, del quale peraltro non saprei dare dimostrazione15.

  • 16 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. II.
  • 17 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XIV. Anche questa è una notizia desunta da una c (...)
  • 18 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XXX.

15Se in questo frangente il Parlamento, a detta del patriarca, procedeva nel senso di una conferma di diritti, molto sovente esso invece svolgeva una effettiva attività di legislazione, modificando o innovando. Così, in ambito di diritto civile, aveva modificato nel 1231 in favore dei cittadini di Aquileia alcune norme restrittive in materia testamentaria16. Di portata più generale il provvedimento del 1277 con cui si statuì la prescrizione di quindici anni per i debiti dei quali non fosse stata richiesta la restituzione17. Valore definitorio e generale ebbe anche una sentenza parlamentare dell’agosto 1295 in merito all’appartenenza dei figli nati dal matrimonio di un uomo di condizione servile (« de masnata ») con una donna appartenente alla Chiesa aquileiese18.

  • 19 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XLVIII.
  • 20 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XXIII ; si vedano anche i testi del 1327 e del 1 (...)
  • 21 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XXXI.

16Di interventi in materia penale del Parlamento friulano non si hanno molte testimonianze. Episodica è la comparsa nelle fonti di una questione di natura procedurale, i termini a testimonianza da intimare per i casi di violenza (« de aliqua violentia seu exforcio »), sulla quale si promulgò una delibera l’ 8 dicembre del 130619. E nemmeno numerosi sono gli esempi di gestione parlamentare della materia feudale. Sappiamo però che il Parlamento era tribunale d’appello in cause che concernessero feudi concessi dal patriarca, le quali in prima istanza dovevano essere recate dinanzi alla corte di giustizia (la curia) del patriarca20. E di natura feudale, al livello alto e politico del rapporto vasallatico, era un atto come l’assoluzione dalle gravi offese, e il seguente riconoscimento in vassallaggio, che vide nel 1297 come autori il patriarca Raimondo della Torre e il suo generale colloquium e come destinatario il nobile e potente Gerardo da Camino, capitano di Treviso21.

17Per quanto discontinuamente documentato, il ruolo legislativo del Parlamento friulano è comunque attestato con sicurezza e continuità, e il fatto che questo ruolo si coniugasse con le competenze politiche e fiscali ne determina la differenza da altre istituzioni parlamentari europee. Alcune, come è noto, ebbero una competenza esclusivamente di giurisdizione, in altre le decisioni politiche rimasero nelle mani dei re e del loro entourage aristocratico più elevato. A sé stante era poi il sistema giuridico inglese, fondato sulle consuetudini e sulle deliberazioni delle diverse curiae. La giurisdizione feudale rimase in ogni paese un ambito autonomo.

18In definitiva, il momento comune a tutte le istituzioni parlamentari del secolo xiii e degli inizi del xiv fu l’intervento nella fiscalità, e questo fu anche il momento nel quale la tradizione feudale esercitò il suo ruolo più significativo anche in tempi successivi e in ambiti politici diversi. Infatti, se non era di ogni stato la fattispecie dell’auxilium per il figlio cavaliere o per la primogenita che andava in sposa o per il riscatto del signore, era però generale il criterio della eccezionalità, della straordinarietà del prelievo. Esso non era funzionale a una spesa corrente dello stato, ma si doveva levare in circostanze definite. Anche se la principale di tali circostanze, la guerra, finiva per dare carattere di ordinarietà all’imposizione fiscale, tuttavia il connotato straordinario, e di conseguenza la sottrazione a ogni arbitrium di una autorità sovrana, fu un principio di lunga durata, e che si trasferì dalle compagini politiche « feudali » alle normative e alle pratiche fiscali degli stati cittadini.

Haut de page

Notes

1 Per una rassegna ragionata, sintetica ma esaustiva e aggiornatissima della letteratura scientifica sulle istituzioni parlamentari niente di meglio di M. Hébert, Parlementer. Assemblées représentatives et échange politique en Europe occidentale à la fin du Moyen Âge, Paris, De Boccard, 2014 (Romanité et Modernité du droit), in particolare le p. 6-12. E si utilizzerà la magnifica bibliografia generale offerta alle p. 614-652. È ancora utile, per il carattere europeo che, nonostante il titolo, ha la sua rassegna, il libro offerto oltre mezzo secolo fa da A. Marongiu, Il parlamento in Italia nel medio evo e nell’età moderna. Contributo alla storia delle istituzioni parlamentari dell’Europa occidentale, Milano, Giuffrè, 1962 (Études presentées à la Commission internationale pour l’histoire des Assemblées d’États, XXV). E per l’Italia offre come sempre una miniera ricca, anche se disordinata, di informazioni il vecchio A. Pertile, Storia del diritto italiano dalla caduta dell’Impero romano alla codificazione, 1871-1887, 2a ed. 1898, 8 tomi, ed. anast. Bologna, Forni, 1965-1966 (per le istituzioni parlamentari segnatamente il vol. II, parte I, p. 317-347).

2 Leggo comodamente la Magna Carta, come gli altri documenti inglesi dei quali parlo qui, nella vecchia raccolta di W. Stubbs, Select Charters and Other Illustrations of English Constitutional History From the Earliest Times to the Reign of Edward the First (1870), 9th ed. Oxford, Clarendon Press, 1913. Il testo della Magna Carta, e degli articoli imposti dai baroni al re, che la precedettero, alle p. 284-303. Per una bibliografia su William Stubbs si vedrà M. Hébert, Parlementer..., op. cit., nota 16 a p. 8. La Magna Carta e molti documenti relativi alla sua confezione e alle sue prime prosecuzioni fino al 1225 furono editi nel fondamentale studio di J. C. Holt, Magna Carta, 3a ed., revised and with a new introduction by G. Garnett and J. Hudson, Cambridge, Cambridge University Press, 2015. Più recente, sulla Magna Carta e i primi tempi del Parlamento inglese, J. R. Maddicott, The Origins of the English Parliament, 924-1327, Oxford, Oxford University Press, 2010.

3 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 173-174.

4 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 174-178.

5 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 335-339.

6 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 366-369. Occorre però ricordare come molte carte in favore di città e borghi (Nottingham, Northampton, Dunwich, Lincoln, York, Herterpol, Helleston, Cambridge e Londra) fossero già state concesse da re Giovanni fra il 1200 e il 1218 : W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 304-312.

7 I documenti relativi alle petizioni dei baroni e alle conseguenti provvisioni di Oxford si leggono in W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p. 369-389.

8 W. Stubbs, Select Charters..., op. cit., p.  354-355.

9 La nostra conoscenza del Parlamento friulano si deve soprattutto al lavoro davvero fondamentale, comprensivo di una illustrazione generale dell’istituzione parlamentare e di una edizione sistematica di fonti (queste di natura e provenienza molto diverse : diplomi, atti cancellereschi, lettere, narrazioni cronistiche) di P. S. Leicht, Parlamento friulano, 3 voll., Bologna, Zanichelli, 1917, 1925, 1955 (Atti delle Assemblee Costituzionali italiane dal Medio Evo al 1831, ser. I : Stati generali e provinciali, sez. VI) ; ed anast. Bologna, Forni, 1968 ; rist. anast. delle parti introduttive (I/1 e II/1) : Il Parlamento friulano, Udine, Provincia di Udine, 1999 (Collana del Friuli storico, 1).

10 Per la cattura di Pellegrino : P. Cammarosano, « L’alto medioevo : verso la formazione regionale », in P. Cammarosano, F. De Vitt, D. Degrassi, Il medioevo, Udine, Casamassima, 1988 (Storia della società friulana, diretta da G. Miccoli, I), p. 9-155, segnatamente p. 144. Per la cattura di Gregorio di Montelongo : P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., p. xxx.

11 Su Bertrando si veda l’amplissima monografia di G. Brunettin, Bertrando di Saint-Geniès patriarca di Aquileia (1334-1350), Spoleto, Fondazione Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 2004 (Istituzioni e società, dir. O. Capitani, A. Carile e G. Sergi, 6) ; per il patriarca Ludovico : P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., p. xxxii.

12 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. I.

13 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XVIII.

14 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XXII. Occorre notare la discontinuità cronologica degli atti relativi al Parlamento friulano, dovuta a sua volta alla loro matrice non uniforme, e non protocollare o cancelleresca ; così, le notizie relative al 1283 e al 1287 si traggono da una cronaca. Sugli ordinamenti finanziari e militari si leggerà le prefazione del Leicht, p. xxvii-xxviii.

15 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. LVIII.

16 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. II.

17 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XIV. Anche questa è una notizia desunta da una cronaca, nella quale la composizione del Parlamento si legge descritta in maniera un po’ anomala : « in generali colloquio d. Raymundi patriarche Aquilegensis, cum prelatis, liberis, diensmannis et nunciis » ; « diensmanni » è qui usato in luogo del più consueto « ministeriales », i « nuncii » sono quasi certamente i rappresentanti delle comunità.

18 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XXX.

19 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XLVIII.

20 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XXIII ; si vedano anche i testi del 1327 e del 1330 citati dal Leicht nella sua introduzione, rispettivamente p. xxvi e xviii.

21 P. S. Leicht, Parlamento friulano..., op. cit., n. XXXI.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Paolo Cammarosano, « Fiscalità e eredità feudale nei primi Parlamenti
(Inghilterra e Friuli, inizi secolo xiii – inizi secolo xiv)
 », Memini, 19-20 | 2016, 203-212.

Référence électronique

Paolo Cammarosano, « Fiscalità e eredità feudale nei primi Parlamenti
(Inghilterra e Friuli, inizi secolo xiii – inizi secolo xiv)
 », Memini [En ligne], 19-20 | 2016, mis en ligne le 19 décembre 2016, consulté le 21 novembre 2017. URL : http://memini.revues.org/798 ; DOI : 10.4000/memini.798

Haut de page

Droits d'auteur

Tous droits réservés

Haut de page
  • Logo Société des études médiévales du Québec
  • Revues.org